riflessioni dopo siena collegamento

- Parigi e la sua forza - PDF

- riflessioni dopo Siena

- La dignità dei manichini viventi - lavoro in corso

- Omofobia a Ravenna

- Manifesto della Libera Università delle Donne di Milano

- A proposito del corpo delle donne e spogliarelli

- Priorità della vita sull'economia

 

Amore e violenza. il silenzio degli uomini

Tre iniziative a Ravenna - vedi pdf (Kb265)
e guarda il video inchiesta realizzato da RaWebTv

1 - LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO
Venerdì 23 novembre ore 18,00 - presso libreria Feltrinelli, via Diaz n. 14
"Amore e violenza: il fattore molesto della civiltà"
Incontro con l'autrice Lea Melandri
Il progetto “Amore e Violenza il silenzio degli uomini”, promosso dall’Assessorato Politiche e Cultura di genere del Comune di Ravenna, dall’Associazione Femminile Maschile Plurale e da Linea Rosa, in collaborazione con Ravenna WebTv, avrà inizio il prossimo 23 novembre con la presentazione del libro di Lea Melandri “Amore e violenza. Il fattore molesto della civiltà” (Bollati Boringhieri, 2011).
Lea Melandri, una delle principali protagoniste del femminismo italiano, è presidente delle Libera Università delle Donne di Milano ed è fra le fondatrici della Associazione Femminile Maschile Plurale di Ravenna.
Alcune sue opere fanno ormai parte dei classici del femminismo, come “L’infamia originaria” (1977), “Come nasce il sogno d’amore” (1988), “Le passioni del corpo. La vicenda dei sessi tra origine e storia” (2001).
E’ stata fra le promotrici del recente convegno del femminismo radicale a Paestum, nell’ottobre scorso. Le è stato conferito l’Ambrogino d’oro - il massimo riconoscimento conferito “ per merito” dalla città di Milano - che le sarà consegnato il 7 dicembre nella giornata di sant’Ambrogio.
Il suo ultimo testo, che verrà presentato nel corso dell'iniziativa, esplora la violenza reale e quella simbolica che sta entro le relazioni più intime fra uomini e donne, sulla base della constatazione che sono soprattutto mariti, padri e amanti, a uccidere, violentare e perseguitare le donne. Sviluppando il tema dell’intreccio fra amore e violenza, che il comune sentire vede come opposti, l'autrice indaga le ambivalenze del rapporto di potere fra i sessi - “il fattore molesto della civiltà” - e la violenza, sia reale che simbolica, che si annida all’interno della sessualità e della maternità.

INNAUGURAZIONE DELLA MOSTRA
Domenica 25 novembre ore 17,00 - presso via D'Azelio n. 2
"Ti voglio tanto... male"
Di Marina Guerra e Lidia Vecchi
apertura dal 25 novembre al 2 dicembre
con orari:
- dal martedì al venerdì ore 10.00 alle 12,30
- martedì e giovedì dalle 16.00 alle 18.00
- sabato e domenica dalle 10.00 alle 12,30 e dalle 16.00 alle 18.00

Apparentemente contraddittorio, il titolo della mostra di Marina Guerra e Stefania Vecchi, si centra su un cortocircuito del linguaggio: al luogo comune dell'ormai svuotato “ti voglio tanto bene”: le artiste “rimuovono” parte del titolo, capovolgendo il bene in male, sottolineando così da subito quello che è il tema centrale della mostra, ovvero, il dilagare della violenza, specie quella attuata sulle donne.
Scrive Josune Ruiz de Infante nel breve saggio che accompagna il catalogo:"..le artiste hanno unito i loro sguardi contro la crudeltà, lavorando per fare convergere la loro comune riflessione in una operazione artistica efficace, come se di un manifesto di protesta si trattasse.In questa personale lotta contro l'indifferenza, ognuna sceglie le proprie armi: Marina “impugna” da sempre la macchina fotografica, mentre Stefania combatte con videocamere e pennelli:”

IL SEMINARIOfilippo farneti ingrandimento
Mercoledì 28 novembre, alle ore 16,00 - presso Sala D'Attorre, via Ponte Marino n. 2
" Quando la violenza prende il posto delle parole: il silenzio degli uomini"
con Monica Dotti e Giorgio Penuti (di Liberiamoci dalla violenza, Modena)
e Daniele Vasari (dell'Istituto penitenziario di Reggio Emilia) - PROGRAMMA

Organizzati da:
Comune di Ravenna, Assessorato alle politiche e culture di genere, Associazione Femminile Maschile Plurale, Linea Rosa, Ravenna Web Tv, libreria Feltrinelli
Si ringrazia per l'impegno organizzativo e progettuale: Antonella Bufano e Giancarla Tisselli
L'immagine è stata offerta da Filippo Farneti