riflessioni dopo siena collegamento

- Parigi e la sua forza - PDF

- riflessioni dopo Siena

- La dignità dei manichini viventi - lavoro in corso

- Omofobia a Ravenna

- Manifesto della Libera Università delle Donne di Milano

- A proposito del corpo delle donne e spogliarelli

- Priorità della vita sull'economia

 

PLURIVERSO DI GENERE

Convegno educativo per raccontare di esperienze di educazione al genere nella scuola locale - scarica VOLANTINO PROMOZIONALE (650KB risoluzione 150)

pluriverso di genere 2015SABATO 28 MARZO 2015

Dalle Ore 8,45 Registrazioni al Convegno

Ore 9,00Assessora Giovanna Piaia

Ore 9,10 - Piera Nobili, Presidente Ass. Femminile Maschile Plurale

Ore 9,15 - Il Progetto Pluriverso di Genere
Renzo Laporta (Ass. Lucertola Ludens) “La genesi dell'idea”
Giancarla Tisselli (Ass. Femminile Maschile Plurale) presentazione del Progetto “Pluriverso di genere” con i suoi obiettivi, metodologia e fasi.

Gli interventi in classe, le insegnanti del Comprensivo Montanari:
- scuola dell'infanzia Arcobaleno - Donatella Pisanu
- scuola elementare Garibaldi - Caterina Pinna

A seguire il team di lavoro Elisa Magnanensi, Laura Casanova, Michela Balestra, Samuela Foschini presentano “Potenzialità ed elementi di criticità del progetto Pluriverso di genere”

...Se l'educazione di genere non è pensata da professionisti dell'educazione della formazione, se non è progettata, se non è sottoposta al vaglio critico, viene lasciata nelle mani di attori sociale che , spesso, si limitano a richiedere una mera adesione del singolo, più o meno negoziata, alla pressione omologatrice della tradizione, che si riferisce a un femminile e un maschile estremamente rigidi e stereotipati. Il pericolo è che le ragazze e i ragazzi si definiscano in modo socialmente accettato/accettabile, piuttosto che in uno (o più) rispondente alle loro peculiarità , ovvero che sacrifichino le loro potenzialità, i loro futuri possibili, per aderire alle norme dominanti. (Silvia Leonelli, “Pensarsi femmine e maschi, diventare ragazzi e ragazze. L'educazione di genere a scuola”, nel libro di Simonetta Ulivieri, “Insegnare nella scuola secondaria. Per una declinazione della professionalità docente”, ETS, Pisa, 2012

Ore 10,00 – Francesca Crivellaro, Antropologa, GSGC-Dipartimento scienze della Formazione (UNIBO) presenta: “Genere ed educazione: prospettive teoriche ed esperienze quotidiane”

Ore 10,3010 minuti di pausa

Ore 10,40 - Presentazione di altre esperienze di didattica di educazione di genere

- Barbara Visani, pedagogista, Servizio nidi e scuole dell'infanzia del Comune di Ravenna, con “Le esperienze nella scuola dell'infanzia Comunale sullo sfondo degli Orientamenti”
- Monica Vodarich "Educare al genere: l'esperienza di Linea rosa e Udi"
- Donatella Rebecchi (ostetrica) e Sara Laghi (psicologa consultori familiari, AUSL Romagna Area Ravenna) presentano"W l'amore",
- Deborah Bandini, media educator, "Guardiamoci dentro: gli stereotipi di genere nella comunicazione mediatica”, Progetto di educazione ai media rivolto alle classi della scuola media inferiore, a cura di Associazione Mirada per Comune di Ravenna, Assessorato al Decentramento

Ore 11,30 - Stefano Ciccone presenta "Proporre la riflessione critica sul maschile a scuola", associazione Maschile Plurale Roma

Ore 12,00 - proiezione di brevi video Slap her: children reaction - Slap him children's reactions - Like a girlAlways like a girl

Ore 12,15Serena Simoni, Ass. Femminile Maschile Plurale, passate esperienze di didattica di genere nelle scuole

Ore 12,30 - Dibattito con il pubblico e Conclusioni

Ai presenti sarà rilasciato attestato di partecipazione

Si ringrazia per la collaborazione il Dipartimento di Scienze dell'Educazione (università di Bologna) gruppo CSGE (Centro Studi sul Genere e l'Educazione); Ufficio ConCittadini Regione Emilia Romagna; Assessorato al Decentramento e le associazioni locali: UDI, Casa delle Donne, Linea Rosa, il servizio dei Consultori famigliari, Direzione didattica del comprensivo Darsena.